Prima seduta del tavolo tecnico associazioni-Comune: importanti avanzamenti sulla mobilità sostenibile post-Covid

Si è svolta ieri pomeriggio la prima seduta del tavolo tecnico tra associazioni proponenti il piano per la mobilità post-Covid – Tryeste, FIAB, UISP, Legambiente, Fridays For Future, Bora.La, Zeno, Link, Spiz e Cammina Trieste – e il Comune di Trieste, rappresentato dall’ing. Bernetti (Dipartimento Territorio Economia Ambiente e Mobilità).

Le/i rappresentanti delle associazioni hanno presentato alcune richieste di immediata realizzazione, selezionate tra quelle contenute nel documento pubblicato e consegnato all’Amministrazione a metà maggio (bit.ly/pianomobilitacovidts). L’Amministrazione ha dimostrato un atteggiamento di disponibilità in merito alle seguenti iniziative presentate:

  • rimozione dei parcheggi dai marciapiedi nei pressi delle scuole e dei ricreatori, a partire da poli scolastici chiave;

  • estensione delle chiusure festive di alcune arterie secondarie, anche nei rioni;

  • estensione delle esperienze di progettazione partecipata dei pedibus e delle chiusure temporanee delle strade scolastiche;

  • Ampliamento di alcuni marciapiedi tramite segnaletica orizzontale;

  • installazione di nuovi stalli per le bici;

  • Avvio dell’iter per l’apertura alle bici delle corsie bus in Via Carducci e nell’asse Conti-D’Azeglio-Tarabocchia;

  • avvio del coinvolgimento di Centostazioni per la realizzazione di una ciclostazione nei pressi della Stazione ferroviaria.

Si tratta di un primo riscontro positivo che è arrivato grazie all’impegno di molte persone che in questi mesi si sono mobilitate per una mobilità più sostenibile, inclusiva e attiva nella fase 3. Per quanto riguarda la realizzazione di bike lanes lungo gli assi principali di scorrimento della città l’Amministrazione ha espresso delle perplessità tecniche che tuttavia le associazioni si impegnano a chiarire a stretto giro, al fine di rimuovere qualsiasi ostacolo alla realizzazione di questa importante misura per la mobilità ciclabile.

Più in generale, le associazioni continueranno a collaborare, a partire dalla prossima seduta del tavolo tecnico convocata per giovedì 9 luglio, e soprattutto a vigilare perché le aperture espresse dal Comune nel corso della riunione si traducano in azioni concrete con la necessaria tempestività e puntualità. In particolare, l’Amministrazione si è impegnata a presentare, per la prossima seduta, una proposta progettuale che possa essere realizzata entro settembre per l’allargamento degli spazi pedonali attorno il polo scolastico di via Veronese, frequentato ogni giorno da diverse centinaia di ragazzi ed adulti (istituti comprensivi di lingua italiana e slovena, scuole superiori Oberdan, Carli-Da Vinci-De Sandrinelli e Nordio, ricreatorio Pitteri, palestra dell’Artistica 81) e un aggiornamento sull’apertura delle corsie bus sull’asse Conti-D’Azeglio-Tarabocchia

Per quanto riguarda le seguenti proposte, le associazioni infine aprono una nuova sessione di raccolta di contributi puntuali da parte della cittadinanza tramite una mappatura partecipata, al link bit.ly/mappamobilitacovidts2, al fine di individuare i luoghi dove:

  • Promuovere ulteriori pedonalizzazioni nei fine settimana (sul modello di quanto già fatto in Via Cadorna, Via della Fornace, Salita al Promontorio e Via San Cilino) anche nei rioni – in strade prive di parcheggi a pagamento e ove non transitino autobus;

  • Estendere gli spazi dedicati ai pedoni tracciando nuova segnaletica orizzontale;

  • Installare nuovi stalli per le bici private;

  • Replicare l’esperienza delle strade scolastiche (già attive o sperimentate in via Vigneti, via Lucano e strada di Rozzol) nei pressi di altri plessi scolastici a partire dai quali organizzare, per la primavera 2021, i percorsi pedibus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *